Subscribe to our newletter

Your name:


Email:


HTML emails?


Are you subscribed already and wishes to unsubscribe or edit your profile, click here.

TOP NEWS!!

A partire di 1 Giugno 2013 l'ECC è ufficialmente riconosciuto in Inghilterra da "Ofqual", l'Agenzia Governativa Inglese per il riconoscimento e la registrazione di qualifiche. Si tratta di un passo importante verso una maggiore diffusione e spendibilità dell'ECC in Europa. Un simile riconoscimento è stato ottenuto anche nella Repubblica Ceca.

 

 

WELCOME HOME CARE PREMIUM!!

L'ECC è stato inserito dall’INPS nel Regolamento di Adesione e Gestione del progetto Home Care Premium. Ciù significa che gli ambiti territoriali aderenti al progetto possono accedere all'ECC per la formazione e la certificazione degli operatori di sportello e degli assistenti sociali coinvolti nel progetto a carico del progetto Home Care Premium.

Si tratta di un ulteriore ed importante riconoscimento per l'ECC sul territorio nazionale, in grado di incidere sulla preparazione professionale di figure chiave nel sistema di welfare in Italia.

Per informazioni: ecc@aiasbo.it

 

 

A Bologna la prima struttura con tutto il personale certificato

Il Centro Selleri-Battaglia di Bologna è il primo centro residenziale per persone con disabilití  in Italia con 100% del personale certificato ECC! 

Congratulazioni allo staff e al management.

 

Visita la struttura: https://www.youtube.com/watch?v=BcwKR5HJbKk

 

 

I primi certificati in Italia

In settembre 2010 sono stati consegnati i primi certificati alle persone che hanno superato l'esame ECC.

 

Nel periodo di sperimentazione dell'ECC in Italia (2010-2011) complessivamente 385 persone si sono sottoposte all'esame. Circa 55% di loro con successo.

Fra i vari gruppi che hanno partecipato alla sperimentazione, gli educatori sono quelli che hanno avuto meno difficoltí  di superare il test, mentre gli assistenti familiari hanno avuto più difficoltí  . Gli operatori socio-sanitari (O.S.S.) si trovano esattamente nella media.

Ciù dimostra che il certificato per chi ha delle base solide è sicuramente affrontabile, ma dimostra anche che per alcuni operatori e soprattutto in alcune aree di conoscenza, ci possono essere dei bisogni formativi. Oltre la preparazione, anche una discreta conoscenza dell'Italiano è sicuramente un fattore di successo.   

Developed by Reea | Built using Typo3